La polisonnografia è un esame in grado di analizzare la qualità del sonno di un soggetto ed eventuali disturbi legati appunto al riposo notturno. Andiamo quindi ad approfondire l’argomento.

I disturbi del sonno sono molto frequenti e in molti casi le persone neanche si accorgono di alcuni sintomi, ad esempio delle apnee notturne, in questo caso è più frequentemente il partner ad accorgersi che qualcosa non va. In questi casi è possibile sottoporsi ad un esame del sonno, cioè la polisonnografia. Ecco di cosa si tratta e come funziona.

Polisonnografia come funziona

La prima cosa da dire è che l’esame polisonnografico deve essere eseguito presso in centro specializzato nell’esecuzione di tale esame diagnostico perché richiede l’uso di strumentazioni in grado di monitorare in modo costante il paziente. Per questo esame deve essere allestita quindi una speciale stanza che riesca anche a conciliare il sonno. Questo implica che lo stesso dovrà restare per più notti in ospedale in modo da poter monitorare i diversi valori.

I parametri fisiologici fondamentali che vengono monitorati sono: attività cerebrale, respirazione, ritmo cardiaco, livello di ossigeno. Inoltre sarà possibile tenere sotto controllo il russamento, la posizione che viene assunta dal paziente durante il sonno e i movimenti notturni di torace e addome.

Tali dati vengono raccolti per la fase REM e per la fase NON REM. La fase REM è quella “agitata” in cui il ritmo cardiaco aumenta, vi sono rapidi movimenti oculari e si sogna. In questa fase vi è anche un rilassamento muscolare indotto da alcuni ormoni. La fase NON REM è contraddistinta da 4 stadi in cui man mano il sonno si fa più profondo, nella prima fase vi è l’addormentamento, nella seconda il sonno leggero, nel terzo stadio vi è il sonno profondo e nel quarto vi è quello che viene denominato sonno profondo effettivo. Quest’ultimo stadio è particolarmente importante perché l’organismo si rigenera. Nell’arco di una notte di solito vi sono 4-5 cicli completi di fase REM e non REM.

La domanda che molti si pongono è come funziona l’esame polisonnografico, in realtà per il paziente non c’è alcun particolare fastidio in quanto deve semplicemente dormire. Il paziente viene invitato a recarsi presso la struttura di sera, qui ad accoglierlo c’è una stanza dotata d ogni comfort. Nella stanza sono presenti sistemi per la sorveglianza audio e video del paziente. Lo stesso viene collegato ad uno strumento chiamato polisonnigrafo e che misura i parametri visti. A questo punto deve solo dormire, del resto si occuperà il personale. Il paziente già qualche ora prima di arrivare in ospedale non deve bere alcolici e assumere caffè o altre sostanze eccitanti.

Cosa è possibile diagnosticare con la polisonnografia?

In primo luogo si può valutare se il paziente soffre di apnee notturne, cioè interruzione della respirazione durante la notte. Può inoltre essere diagnosticata la narcolessia: un disturbo caratterizzato da colpi di sonno improvvisi durante la giornata. Anche se più rari, possono essere diagnosticati disturbi del movimento correlati al sonno, cioè gesti involontari che coinvolgono gli arti inferiori. La polisonnografia può evidenziare anche disturbi del sonno nella fase REM, cioè il paziente vive intensamente i propri sogni ed è come se fossero reali con i conseguenti movimenti determinati dal sogno stesso, oppure disturbi della fase NON REM, come il sonnambulismo e il risveglio in stato confusionale. Infine, dall’esame polisonnografico può emergere che il paziente soffre di insonnia cronica.

Svegliarsi la mattina con la sensazione di essere stanchi, non essere rigenerati al risveglio o soffrire di disturbi della respirazione durante il sonno può mettere a dura prova il proprio equilibrio. In questi casi non resta che sottoporsi alla polisonnografia.

  ORARI DI APERTURA

Lunedì – Venerdì
07:00 – 13:00
15:00 – 19:00

Sabato
7:00 – 12:00

  ORARI PRELIEVI

Lunedì – Sabato
07:00 – 10:00

ORARI VISITE SPECIALISTICHE
(solo su appuntamento)

Le prenotazioni possono essere effettuate di persona o per telefono oppure compilando l’apposito form tutti i giorni, negli orari di apertura.
Le prestazioni specialistiche vengono di norma erogate entro pochi giorni dalla prenotazione.
In caso di impossibilità a rispettare la prenotazione si prega di comunicare la rinuncia alle segretarie di accettazione in tempo utile.

DOVE SIAMO

Richiedi un Appuntamento

Prenota una Visita Specialistica presso i nostri ambulatori

CONTATTACI